1. Home
  2. Formazione
  3. Fapi 2017: 11milioni per offerta formativa

Fapi 2017: 11milioni per offerta formativa

Il Fapi, Fondo interprofessionale per la formazione continua costituito da Confapi e Cgil, Cisl e Uil, ha approvato il bilancio previsionale per il prossimo anno: sono 11 i milioni destinati all’offerta formativa. Anche quest’anno è stato esitato, entro i termini di legge, il bilancio previsionale 2017 del Fapi, che nel mese di Dicembre sarà formalmente sottoposto all’approvazione dell’Assemblea dei soci. In bilancio può considerarsi in linea con quello del 2016 e può con- tare su un positivo trend di crescita, relativo al numero delle impre- se e degli addetti, costante dal 2014 .

L’anno in corso dovrebbe chiudersi infatti con il segno positivo sul numero degli aderenti.
A Novembre di quest’anno, il numero totale degli iscritti è risultato di 339.849, vale a dire circa 14.000 lavoratori in più in quindici mesi, per effetto di una adeguata strategia di offerta formativa messa a disposizione delle aziende che possono contare, nel corso dell’intero anno, su un mix di avvisi a sportello e bandi generalisti.

Certo, gli effetti della pesante crisi degli anni passati ancora si fanno sentire, in particolare sul fronte del gettito Inps derivante dai versa- menti sullo 0,30 disposti dalle imprese, molte delle quali tutora in evidente sofferenza o in fase di risanamento o di riposizionamento sul mercato. Si avverte però un rinnovato entusiasmo e attenzione sulle politiche formative, grande valore aggiunto per la crescita qua- litativa delle PMI italiane.

Complessivamente il bilancio del 2017 si attesta sui 14 milioni di euro, a fronte dei quali gravano le trattenute sul prelievo forzoso, effetto dell’applicazione dell’articolo 40, comma 2 lett. d, del D.L. 133 del 12.9.2014 sui Fondi paritetici Nazionali, che ammonta com- plessivamente a 210 milioni di euro.

La quota parte di trattenute spettante al Fondo Fapi è di circa 2milioni 900mila euro, che grazie alla seppur limitata quota di riserve a bilancio per attività formativa, potrà essere riequilibrata, in maniera da poter garantire anche per il 2017 gli stessi livelli di disponibilità nanziaria del 2016.

Informazioni più dettagliate sulle attività del Fapi

Menu